Tutti gli articoli di tourmilanobergamo123

visites guidées………………. **BERGAME EN FRANCAIS!**

  BERGAMO ALTA - La promenade classique de visite touche les principaux lieux et monuments: - l'ancienne via Corsarola, qui mène au centre de la ville - Piazza Vecchia avec le Palazzo della Ragione (médiéval), la Torre Civica (dite aussi “Campanone”, c’est-à-dire : la « Grande Cloche »), la fontaine Contarini du XVIII siècle - la Piazza del Duomo, sur laquelle se trouvent le Duomo, la Basilique de Santa Maria Maggiore (avec son architecture romane et les décorations  baroques à l’intérieur), la Chapelle Colleoni, un véritable joyau de l'architecture de la Renaissance. Normalement, à la Basilique et à la Chapelle Colleoni on fait une visite plus détaillé. En effet, à l’intérieur de la Basilique on peut admirer plusieurs chef-d’œuvre : les tapisseries florentines, les toiles et les stucs  baroques, le monument funèbre de Gaetano Donizetti (le célèbre musicien, qui était bergamasque). Il y a aussi un chœur marqueté en bois (dit « Il coro di Lorenzo Lotto ») qui remonte au XVI siècle, duquel on peut voir quelques panneaux marquetés.   La Chapelle Colleoni, exemple très intéressant de « Renaissance lombarde », abrite des sculptures de la fin du XV siècle, visibles soit sur la façade (décorée d’un façon très riche, avec plusieurs types de marbres), soit sur le tombeau de Bartolomeo Colleoni, qui a été enseveli dans son mausolée à sa mort, en 1475. La visite de la matinée peut être complétée avec une promenade jusqu’au jardin de « La Rocca », une forteresse qui remonte au moyen-age. Normalement on ne visite pas la forteresse (dans laquelle se trouve un musée dédié à la période de l’Unité de l’Italie) mais on visite le jardin pour admirer les vues panoramiques vers la Ville Basse et les toits de la Ville Haute. BERGAMO BASSA  On peut dédier l’après-midi a une visite de la Ville Basse. On peut faire une promenade qui se déroule dans le centre de la ville mais qui, au même temps, nous donne la possibilité de voir trois retables très importants qui sont abrités en trois églises (San Bernardino, Santo Spirito, San Bartolomeo) : il s’agit de retables réalisés par le peintre Lorenzo Lotto entre 1516 et 1525 environ, des importants chef-d’œuvre de notre patrimoine artistique. Cependant, on a une très belle alternative : on peut visiter la Pinacothèque Carrara . C’est le musée d’art plus important de Bergame. Dans la Pinacothèque on trouve des peintures dont l’époque de réalisation est comprise entre XV et XIX siècle. On a des artistes comme : Pisanello, Giovanni Bellini, Bartolomeo Vivarini. Il y a aussi un petit mais très important “San Sebastiano » du jeune Raffaello et d’autres œuvres de Lorenzo Lotto. En ce qui concerne les peintres bergamasques, il faut rappeler Giovanni Battista Moroni (XVI siecle, avec ses portraits), Evaristo Baschenis (XVI siècle, célèbre pour les natures mortes avec les instruments de musique), Fra Galgario (portraitiste de XVIII siècle).

DOMENICA 21 GENNAIO***VISITA TESORO, MATRONEO SUD E AFFRESCHI – BASILICA S. MARIA MAGGIORE – BERGAMO

La BASILICA DI SANTA MARIA MAGGIORE, insigne monumento cittadino edificato a partire dal 1137, si è arricchito recentemente di un altro elemento: l’esposizione del TESORO, ossia di preziosi pezzi di OREFICERIA e di alcuni PARAMENTI SACRI. Tra di essi: le formelle superstiti della CROCE DI ANDREA DE’ BIANCHI (1392), capolavoro di oreficeria gotica. La visita al TESORO offre l’opportunità di esplorare uno degli spazi più suggestivi della Basilica, ossia uno dei MATRONEI.  Questo spazio, con le sue forme romaniche ci riporta alle fasi più antiche della costruzione dell’edificio sacro; la visita offre anche l’occasione per vedere da vicino alcuni degli importanti AFFRESCHI TRECENTESCHI situati nell’ absidiola di accesso al MATRONEO. A completamento, ci si soffermerà anche su altri affreschi coevi presenti in Basilica. Tra di essi: lo straordinario ALBERO DELLA VITA dipinto nel transetto sud a metà del XIV secolo.
DOMENICA 21 GENNAIO 2018
RITROVO: BERGAMO ALTA, IN PIAZZA DEL DUOMO, ALL’INGRESSO DELLA BASILICA
PRIMO TURNO: RITROVO H.14,00 – MASSIMO 15 PERSONE
SECONDO TURNO: RITROVO H.16,00 – MASSIMO 15 PERSONE
 ISCRIZIONE OBBLIGATORIA - COSTO: 12,00 euro/persona (pagamento in loco) - Il costo comprende la quota destinata alla Basilica e il servizio guida - PER ISCRIZIONI: inviare una mail a: info@tourmilanobergamo.it indicando il turno di interesse, il numero delle persone iscritte e un numero di telefono per eventuali comunicazioni dell’ultimo minuto.  

SABATO 28 GENNAIO***VISITA GUIDATA ALLA PINACOTECA AMBROSIANA A MILANO

Tra i musei milanesi, l’Ambrosiana occupa un posto particolare, sia per l’antica fondazione – dovuta al cardinale Federico Borromeo -  sia per i nomi degli artisti presenti con le loro opere:  Bernardino Luini, Bergognone, Tiziano… ma soprattutto Caravaggio e Leonardo.
A chi fosse interessato, comunico quindi questa iniziativa (si veda anche il volantino allegato MILANO-AMBROSIANA-28.01.2017 ) organizzata dall’ASSOCIAZIONE SOCIO CULTURALE E RICREATIVA C.T.E. DI GRUMELLO DEL PIANO – Bergamo:
LA PINACOTECA AMBROSIANA - Visita guidata a cura di Valter Nava
Esploriamo lo straordinario patrimonio d’arte di una delle istituzioni storiche della cultura milanese, fondata nel XVII secolo. Tra i capolavori: la celebre CANESTRA DI FRUTTA di Caravaggio, il RITRATTO DI MUSICO e le pagine del CODICE ATLANTICO di Leonardo da Vinci
DOMENICA 28 GENNAIO 2018
ISCRIZIONE OBBLIGATORIA – 25 PERSONE MASSIMO - scadenza iscrizione: 13 GENNAIO 2017
  RITROVO:
- BERGAMO STAZIONE FFSS (alla fontana) h. 12,40 per prendere il treno delle h. 13,02 per MILANO CENTRALE oppure direttamente a Milano:
- MILANO in PIAZZA DEL DUOMO (lato ingresso a Palazzo Reale) alle h.14,45
CONCLUSIONE DELLA VISITA: h. 17,45 CIRCA I costi di partecipazione sono:
- intero: 25,00 euro
- ridotto (under 18 e over 65 anni): 22,00 euro
- possessori Carta Regionale Musei: 11,00 euro
La quota comprende: costo di accesso (biglietto, prevendita, commissioni), servizio guida, microfonaggio con radioguide/auricolari personali.  PER LE ISCRIZIONI E LE INFORMAZIONI LA REFERENTE E’ LA SIGNORA ANNA, per conto dell’ ASSOCIAZIONE SOCIO CULTURALE E RICREATIVA C.T.E. DI GRUMELLO DEL PIANO che organizza l’iniziativa.
Per iscrizioni è necessario quindi inviare una mail a: 29quanna@gmail.com - Per informazioni: cell. 333 2581693.

SABATO 10 FEBBRAIO*** VISITA GUIDATA A: RAFFAELLO E L’ECO DEL MITO – BERGAMO

    A fine gennaio partirà a Bergamo la MOSTRA EVENTO RAFFAELLO E L’ECO DEL MITO, presso gli spazi GAMeC a Bergamo. A chi fosse interessato, comunico che l’ASSOCIAZIONE SOCIO CULTURALE E RICREATIVA C.T.E. DI GRUMELLO DEL PIANO – Bergamo, organizza una VISITA GUIDATA ALLA MOSTRA che avrò il piacere di condurre:
SABATO 10 FEBBRAIO 2018 - VISITA GUIDATA ALLA “MOSTRA RAFFAELLO E L’ECO DEL MITO”
RITROVO: H. 15,00 - Spazi GAMeC - Via San Tomaso, 53 – Bergamo
ISCRIZIONE OBBLIGATORIA – 25 PERSONE MASSIMO - scadenza iscrizione: 25 GENNAIO 2018
Il costo di partecipazione è di 17,00 euro a persona. La quota comprende: costo di accesso (biglietto, prevendita, commissioni), servizio guida, microfonaggio  
PER LE ISCRIZIONI E LE INFORMAZIONI LA REFERENTE E’ LA SIGNORA ANNA, per conto dell’ ASSOCIAZIONE SOCIO CULTURALE E RICREATIVA C.T.E. DI GRUMELLO DEL PIANO che organizza l’iniziativa.
Per iscrizioni è necessario quindi inviare una mail a: 29quanna@gmail.com - Per informazioni: cell. 333 2581693.
  Vi invito anche a leggere il volantino allegato, che riassume i dati relativi all’iniziativa: BERGAMO-RAFFAELLO-GRUMELLO

Il Cenacolo Vinciano e la Basilica delle Grazie a Milano

  Uno dei dipinti più famosi al mondo in una delle chiese più importanti di Milano. Nel tardo '400 la Basilica di Santa Maria delle Grazie è uno straordinario e singolare cantiere del Rinascimento italiano: sul finire del secolo vi lavorano, contemporaneamente, due figure della statura di Bramante e di Leonardo, al servizio di Ludovico il Moro. Tra il 1494 e il 1498 Leonardo dipinge la celeberrima Ultima Cena, nel refettorio del convento domenicano di cui fa parte la Basilica; e dal 1492 inizia anche la costruzione dell'imponente tiburio della Basilica, su ideazione di Bramante ma con la "direzione lavori" di diversi altri architetti importanti dell'epoca (come Giovanni  Antonio Amadeo).       La particolare architettura della Basilica presenta quindi una "doppia anima": da un lato un elemento fortemente emergente - il tiburio appunto - dai caratteri rinascimentali declinati secondo il gusto locale, dall'altro le navate e le loro cappelle laterali, realizzate precedentemente, ancora memori dell'allora tradizionale gotico lombardo. La particolarità della visita dell'edificio sacro è felice preludio alla visione di quel capolavoro che è il Cenacolo: custodito nello spazio dell'antico refettorio, celebrato da sempre e da sempre discusso e studiato, si mostra come vero campionario di caratteri unici, ancora osservabili nonostante le complesse - a volte drammatiche - vicende della sua conservazione e dei suoi restauri.  

La Darsena di Milano rinnovata

ridotto-facebook-simbolo

Da un mese circa la #Darsena, antico porto fluviale di Milano, è stata aperta all'uso pubblico, dopo un intervento di risistemazione e riqualificazione. milano_darsena_03 La #Darsena, antico bacino che raccorda il punto finale del Naviglio Grande con l'inizio del Naviglio Pavese, si presenta oggi come un'ampia area pubblica; sulle sponde si trovano lunghi camminamenti e spazi in cui si può sostare.  milano_darsena_04 milano_darsena_05 milano_darsena_07 La #Darsena è diventata una sorta di curiosa zona "balneare", vicinissima ai Navigli, al Corso di Porta Ticinese, alla Basilica di Sant'Eustorgio. Si trova quindi in una posizione strategica, lungo un percorso classico di visita del sud ovest della città storica.  milano_darsena_06 FACEBOOK      

La chiesa dei Santi Faustino e Giovita a Brescia

brescia_san_faustino_01brescia_san_faustino_02 E' nota anche come San Faustino Maggiore ed è una delle più fastose chiese della città di #Brescia. Situata in via San Faustino, custodisce le reliquie dei Santi Patroni, Faustino e Giovita appunto. L'edificio attuale è di costruzione prevalentemente seicentesca; la facciata è stata terminata nel '700. L'interno è diviso in tre navate grazie alla presenza di colonne binate ed è sontuosamente affrescato. brescia_san_faustino_04 Particolarmente suggestivo è l'affresco della volta della navata centrale, della prima metà del '600: l'affresco rappresenta una complessa finta architettura con parapetti e colonne tortili, opera del pittore Tommaso Sandrino. L'invenzione illusionistica circonda un grande riquadro centrale, opera di Antonio e Bernardino Gandino.brescia_san_faustino_03 La chiesa custodisce numerose opere d'arte, come il prezioso altare con le reliquie dei Santi Patroni e una Natività cinquecentesca, di Lattanzio Gambara.